Teatroterapia - Psicoterapeuta Gestalt

Roma - Pomezia - Milano
Psicologo Psicoterapeuta
Giovanni Porta
La leggerezza ha delle radici profonde
Vai ai contenuti

Teatroterapia

Di cosa mi occupo

La teatroterapia è un modo di utilizzare il teatro a fini terapeutici, ovvero di portare in scena le proprie difficoltà, blocchi, inibizioni e, all'interno della finzione scenica, grazie anche al sostegno del gruppo, provare a superarli.

In teatro si può provare e riprovare e, a differenza che in un normale corso di recitazione, il fine non è la performance artistiica ma l'evoluzione personale.

Ogni partecipante porta in scena se stesso, la propria unicità.

Per partecipare non è necessario avere precedenti esperienze teatrali me è meglio indossare vestiti comodi, alle volte capita di fare abbastanza movimento.



PRINCIPALI METODOLOGIE UTILIZZATE:

·      costruzione del gruppo
·      empatia
·      drammatizzazione, role playing
·      meditazione, esperienze immaginative guidate
·      improvvisazione
·      movimento corporeo
·      lavoro con la maschera
·      scrittura spontanea
·      consapevolezza e capacità espressiva

PROGRAMMA DEL LABORATORIO
(da ottobre a maggio)

Il laboratorio si articolerà in quattro moduli da 4 incontri ciascuno. Gli incontri si svolgeranno ogni 15 giorni, a Roma il mercoledì sera dalle 20 alle 22,30; a Milano il venerdì sera nello stesso orario

LA FORMAZIONE DEL GRUPPO: Creare un ambiente accogliente, adatto al lavoro su se stessi (ottobre e novembre)
Inizialmentei, si centrerà l’attenzione sulla capacità di giocare e divertirsi attraverso il teatro. Il gioco come modo per uscire dai normali schemi che ci ingabbiano e trovare un universo ludico all’interno del quale sdrammatizzare i propri problemi. Costruire un contatto umano autentico tra le persone che partecipano al laboratorio, in cui ognuno sperimenti sia la difficoltà del nuovo sia la possibilità di trovare una propria dimensione. Possibilità di vedere e lasciarsi vedere, trovarsi un ruolo non troppo stretto, concedersi il lusso di avere fiducia...

IL CONTATTO CON SE STESSI E CON LA PROPRIA STORIA: Esprimere e mostrarsi attraverso il mezzo artistico (dicembre e gennaio)
Una volta formato e “rodato” il gruppo sarà possibile addentrarci più a fondo nel lavoro di teatroterapia. Lavoreremo sulla capacità di ascoltare, accettare ed esprimere le proprie emozioni e i propri pensieri attraverso il mezzo artistico. Ascoltarsi per entrare in contatto con la propria storia passati e con i modelli che possono essere utili bussole per muoverci nel mondo opesanti fardelli da portarsi addosso: miti e credenze familiari, sogni (propri e altrui), sogni e aspirazioni irrisolte. Proveremo infine a contattare le parti di noi stessi che si solito vediamo meno e a farci un po' amicizia...

APPROFONDIRE PREGI E DIFETTI DEL PROPRIO MODO ABITUALE DI STARE NEL MONDO (febbraio e marzo)
Una volta conosciuto un po’ più approfonditamente il proprio modo di stare nel mondo, ci concentreremo sui propri limiti abituali: su ciò che vogliamo e che fatichiamo a ottenere, sui nostri blocchi e paure. Ognuno avrà la possibilità di utilizzare il mezzo artistico per “camminare vicino ai propri limiti”, aumentando la consapevolezza sia dei propri desideri che dei mezzi atti a raggiugerli. In questo modulo verrà utilizzato l'Enneagramma, prezioso strumento di concsenza del proprio carattere, per scoprirne non solo i limiti, ma anche le possibilità di evoluzione verso un adattamento al mondo più vicino ai nostri bisogni e desideri.

L'EVOLUZIONE VERSO QUALCOSA DI NUOVO (aprile a maggio)
L’ultima parte del laboratorio sarà finalizzata alla solidificazione, tramite il mezzo artistico, delle conquiste ottenute durante tutte le fasi del percorso. Ad ognuno verrò chiesto di costruire un seguito alla propria storia personale, essendone sceneggiatore e interprete: un percorso di ricerca di un finale diverso dal solito che possa magari influenzare positivamente anche la vita al di fuori del teatro. Una volta sviluppata la consapevolezza di come ci muoviamo di solito e di come le nostre abitudinmi comporrtamentali ci limitino in varie occasioni, il teatro diventerà palestra di sperimentazione esistenziale: ognuno potrà provare a comportarsi in maniera un po' diversa, nel contesto protetto della macchina teatrale...


COSTI E ISCRIZIONE

Il costo di ogni incontro sarà di 35 euro. Non sarà possibile iscriversi ad un singolo incontro ma solo ad un intero modulo (da quattro incontri), per garantire l'integrità del gruppo e dunque la qualità del lavoro
Il numero massimo di partecipanti sarà di 14 persone.
In caso di disponibilità di posti, dopo ogno modulo il gruppo verrà riaperto e sarà possibile iscriversi al modulo successivo.
Per iscriversi, contattatemi. Cliccando qui trovate i miei recapiti.

LUOGO DI SVOLGIMENTO

I laboratori si svolgeranno: a Roma (presso il Teatro Keiros, via Padova 38/a, metro Bologna) e a Milano (Spazio Arti Naturali, corso Italia 49, zona Bocconi).

Se desideri informazioni o se hai voglia di prendervi parte, contattami!
"Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Fallisci ancora. Fallisci meglio." (S. Beckett)

ROMA - via della Lega Lombarda 13 (metro Bologna), POMEZIA - via Rimini 5/B, MILANO - via Ozanam 15 (metro Lima)
Torna ai contenuti